LE MANCETTE ELETTORALI DI RENZI.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Ci sono notizie che sembrano minori.

Certo, un Presidente del Consiglio che si reca in Arabia Saudita e non dice una parola sulle esecuzioni dei dissidenti e sulle continue violazioni dei diritti umani degli sceicchi ben può coprire le nudità delle statue per non irritare il rappresentante di un altro Stato oscurantista dove si eseguono altrettante esecuzioni di dissidenti e violazioni di diritti umani.

In ogni caso, la questione delle statue coperte evidenzia l’ennesima truffa renziana, l’ennesimo spot elettoralistico portato avanti con i soldi pubblici.
Lo stesso personaggio che presenta in pompa magna misure di contrasto al terrorismo attraverso stanziamenti alla cultura (i famosi 500 euro ai diciottenni), lancia il terribile messaggio che diritti umani e libertà democratiche valgono niente davanti alla prospettiva di lucrosi affari per le proprie aziende. La cultura si può tranquillamente sacrificare sull’altare del business.
Altro che fondi per la cultura: i 500 euro ai diciottenni sono niente altro che quello che molti di noi hanno sempre sostenuto, mancetta elettorale con fondi pubblici.
203912886-0ea8f2ae-bc51-4af5-9edb-6144dcf75021

 

Dí la tua