Le carceri colabrodo. Un sistema allo sbando.

Facebooktwittergoogle_plusmail

L’evasione dal carcere Rebibbia di Roma di due pluriomicidi rende sempre più evidente la fallimentare gestione dei servizi penitenziari.

I sindacati degli agenti penitenziari da tempo evidenziano gravissime carenze di organico, disorganizzazione dei servizi penitenziari, sovraffollamento.

In queste condizioni le carceri non possono assolvere alle funzioni loro affidate dalla Costituzione e dall’ordinamento penitenziario.

Soltanto episodicamente, ossia in occasione di condanne per il sovraffollamento, di suicidi di agenti di polizia penitenziaria e detenuti, o – come nel caso odierno – di evasioni eccellenti, il pianeta carcere diventa oggetto di veloce e distratta attenzione per ripiombare subito dopo nel dimenticatoio delle cose non rilevanti.

Tutto questo è intollerabile, occorre intervenire immediatamente e trovare le necessarie risorse in termini economici, di personale, di strutture, per rendere le carceri italiane quei centri che possano assicurare la certezza della pena e la funzione rieducativa indicata dalla Costituzione e dall’ordinamento penitenziario.

Ministro e dirigenti del ministero della Giustizia facciano quanto devono oppure si dedichino ad altro, lasciando gli incarichi a chi vuole realmente intervenire in modo efficace sul sistema penitenziario.

Democrazia in Movimento

www.democraziainmovimento.org

segreteria@democraziainmovimento.org

https://www.facebook.com/Democrazia-in-Movimento-309394009173026/?ref=bookmarks

evasi

Dí la tua