Il giorno dell’Italicum innanzi alla Corte Costituzionale.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Oggi, innanzi alla Corte Costituzionale, saranno chiamati in udienza pubblica le cause di incostituzionalità dell’Italicum sollevate dai Tribunali di Messina, Torino, Genova,  Perugia, Trieste.

http://www.cortecostituzionale.it/documenti/lavori/doc/CC_CL_UP_20170123115827.pdf

La Corte è chiamata a decidere sulla costituzionalità delle norme dell’Italicum relative alle elezioni della Camera dei deputati, per le parti concernenti la lista dei candidati, l’attribuzione dei seggi, la soglia di sbarramento. il premio di maggioranza. il blocco misto delle liste e delle candidature, il meccanismo di attribuzione del premio di maggioranza al secondo turno di ballottaggio tra le due liste con il maggior numero di voti, l’opzione per un collegio da parte del candidato capolista eletto in più collegi plurinominali, il meccanismo del recupero proporzionale dei voti nella Regione Trentino-Alto Adige.

Democrazia in Movimento ringrazia le cittadine e i cittadini che hanno, con sacrificio personale e alto senso democratico, portato innanzi ai Tribunali le questioni di incostituzionalità dell’Italicum, oggi rimesse alla valutazione della Consulta.

Democrazia in Movimento auspica che la Corte accolga pienamente tutte le questioni di costituzionalità sollevate, in modo da rendere effettivo l’alto principio sancito all’art. 1 della Costituzione, secondo il quale la sovranità appartiene al popolo.

Alessandro Crociata

Democrazia in Movimento

www.democraziainmovimento.it

https://www.facebook.com/Democrazia-in-Movimento-309394009173026/?fref=ts

Dí la tua