I numeri impietosi e la propaganda per allocchi.

Facebooktwittergoogle_plusmail

La gran cassa della propaganda esalta lo straordinario risultato del PIL 2016 dell’Italia, un fantastico 0,9%: meglio delle attese.

Accidenti direte voi, allora Renzi (e il suo clone low cost Gentiloni) ha fatto bene il suo lavoro, addirittura porta a casa risultati migliori delle aspettative.

Questi esaltatori dei risultati “di casa nostra” sono certamente gli stessi che guardano all’Europa come punto di riferimento fondamentale per le riforme, necessarie di certo per ottenere questi “mirabolanti risultati”, tranne quando si tratta di fare le comparazioni, se queste non convengono.

Allora questo sforzo lo facciamo noi e diamo i numeri (nel senso che diamo il PIL degli altri Paesi della UE).

Romania 4,4%

Irlanda 3,4%

Polonia 3,2%

Croazia 3,1%

Slovenia 3%

Repubblica Slovacca 2,9

Lituania 2,8%

Grecia 2,7%

Repubblica Ceca 2,6%

Svezia 2,4%

Spagna 2,3%

Lettonia 2,2%

Estonia 2,2%

Olanda 2%

Portogallo 1,6%

Germania 1,6%

Austria 1,6%

Daninmarca 1,5%

Gran Bretagna 1,5%

Belgio 1,4%

Francia 1,4%

Finlandia 1,2%

Italia 0,9%

Se avete avuto la pazienza di arrivare fin qui siete stati premiati e avete potuto godere del meraviglioso risultato dell’Italia renziana, ultima per crescita ma prima assoluta per propaganda e allocchi che ci cascano.

Direte voi, ma con tessuto produttivo distrutto, con salari da fame e precarizzazione come diavolo si fa a crescere?

Infatti non si cresce, si va solo a traino: gli altri crescono e noi prendiamo le briciole.

Alessandro Crociata

www.democraziainmovimento.org

Dí la tua