L’ECCESSO DI COMPETITIVITA’

Facebooktwittergoogle_plusmail

L’ECCESSO DI COMPETITIVITA’

L’attuale sistema economico europeo è fondanto sul PRINCIPIO DI COMPETITIVITA’, sancito dal Trattato di Lisbona.

Questo principio è fra le maggiori cause del costante aumento della disoccupazione in Europa e della costante riduzione del tenore di vita e dei diritti sociali.

L’assenza di competizione in economia è certamente un fattore negativo, in quanto non stimola l’impegno sul lavoro dal punto di vista qualitativo e porta alla creazione di monopoli e di cartelli, originando prezzi eccessivi per beni e servizi, che ricadono sui cittadini-consumatori.

Partendo da questa evidenza è stato IDEOLOGICAMENTE elaborato il concetto di “massima competitività” che dovrebbe corrispondere alla fine dei monopoli e degli oligopoli, portando a prezzi bassi, il che sarebbe a tuttoi vantaggio dei cittadini-consumatori.

Ma le cose stanno proprio così?

Direi proprio di no.

Innanzitutto constatiamo che in certi settori di mercato i monopoli/oligopoli sono rimasti, ovvero poche imprese hanno il controllo del mercato, tagliando fuori ogni possibile concorrente.
Non intendo in queasta sede sviluppare questo interessante discorso, dato che vorrei dedicarmi alla discussione del principio di « massima competitività ».

Guardiamo quindi a cosa è successo nei settori dove effettivamente esistono molte imprese che competono fra loro.

Che cosa succede quando ad una gara di appalto pubblico partecipano 100 imprese ?
Per vincere non sarà sufficiente fare efficienza nella propria impresa.
Per vincere sarà necessario fornire prestazioni sottocosto, riducendo i salari dei lavoratori, le loro garanzie sociali, tagliando sugli oneri contributivi e fiscali, sui pagamenti verso i propri fornitori, delocalizzando all’estero…
La vittoria dell’appalto porterà inevitabilmente con sè dei tagli che colpiranno, direttamente o indirettamente, i cittadini-lavoratori, colpendo a catena i cittadini-consumatori.
Alla fine il taglio delle prestazioni sconomiche e sociali dei cittadini-lavoratori-consumatori si ripercuote sulle stesse imprese, dato che quei cittadini dovranno necessariamente, per soipravvivere, tagliare sul proprio tenore di vita e sulle spese della propria famiglia.

Che cosa succede, invece, se allo stesso appalto pubblico partecipano solo 4-5 imprese ?

In questo caso per vincere sarà sufficiente fare un po’ di efficienza di impresa, senza andare a colpire i diritti dei lavoratori-cittadini-consumatori.

In questo modo i lavoratori-cittadini-consumatori manterranno il loro potere di acquisto, garantendo la sopravvivenza del sistema produttivo.

L’eccesso di concorrenza e di competitività è un MALE per l’economia e per noi tutti cittadini.

Davide Gionco

www.democraziainmovimento.org

https://www.facebook.com/democraziainmovimento.org/?fref=ts

Dí la tua