Autore Topic: Guerra e limitazioni di sovranitá. Viaggio nella Costituzione. Articolo 11  (Letto 1217 volte)

Offline Massimo Sernesi

  • Amministratore
  • Membro Eroe
  • *****
  • Post: 870
  • Monaco di Baviera (originario di Modena)
      • Mostra profilo
Art. 11
L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

L'articolo é piuttosto controverso per quel ripudia, che inizialmente era un piú perentorio rinunzia (http://www.nascitacostituzione.it/01principi/011/art011-999.htm), e per le implicazioni relative ai trattati internazionali e alle missioni ONU e NATO. La controversia si ritrova anche nelle discussioni della costituente, in cui a qualcuno l'articolo appariva addirittura utopistico vista la situazione dell'Italia (http://www.nascitacostituzione.it/01principi/011/art011-012.htm).
Questo articolo scaturisce dal clima del dopoguerra e dalla nascente creazione dell'ONU. É all'ONU infatti che si riferisce in maniera abbastanza chiara, anche se l'articolo é stato poi abusato in sede di creazione dell'Unione Europea. I trattati costitutivi dell'Unione Europea (Maastricht, Lisbona ecc.) contengono infatti vere e proprie cessioni di sovranitá, non solo limitazioni, e per di piú non sempre in condizioni di paritá con gli altri stati. Nelle discussioni della costituente si ravvisano tuttavia cenni anche agli Stati Uniti d'Europa e quindi alla collaborazione tra nazioni (http://www.nascitacostituzione.it/01principi/011/art011-003.htm e http://www.nascitacostituzione.it/01principi/011/art011-010.htm). Si nota anche il riferimento a un'espressione simile del preambolo della Costituzione Francese.