Autore Topic: Questione di fortuna  (Letto 1199 volte)

Offline Luigi Intorcia

  • non rendere difficile il facile attraverso l'inutile
  • Amministratore
  • Membro Eroe
  • *****
  • Post: 3.072
  • fiero di DIM - Roma
      • Mostra profilo
Questione di fortuna
« il: Dom 10 Apr 2016 20:01:33* »




Signori  candidati, dovete sapere che Roma è la città che più di tutte negli ultimi 30 anni, ha sofferto pesantemente  i cambiamenti della politica italiana. Anzi ha subito e ri-subito all'inverosimile  il fallimento dei partiti.

Roma, è lo specchio del fallimento generale, in quanto l'amministrazione di una città dall'antico lustro MONDIALE, oggi, ha solo voragini e la lucida  dissoluzione delle risorse, con la  vessazione sistematica dei cittadini, i quali, nonostante le tasse pagate più alte in Italia, in assoluto, sono stati completamente dimenticati.

Ci avete tolto ogni speranza, con le vostre manfrine, quando bastavano due o tre  liste ( vere )  dei cittadini agguerrite, che esprimessero il distacco completo e netto dal potere politico nazionale, per assicurare la vittoria e la pulizia del Campidoglio, che è stata la residenza di vermi e di cui VOI  tutti vi dovete vergognare a partire da chi ha annuito e acconsentito.

Il centro sinistra, che ha la faccia tosta di riaffacciarsi con la solita imposizione di candidati, che poi come i serpenti, gli crescono altre teste, che a loro volta fanno crescere altre teste e altre teste, in una diffusione di bastardi trafacciari che osano costituire liste civetta, su liste civetta, prendendo per i fondelli ignari cittadini, che devono essere usati come in un esercito in cui i soldati si devono sacrificare in nome del nulla.  Ma ottenuti incarichi e incarichini…….. arrivederci e grazie!

Il centro destra, in un labirinto di incomprensioni e di ulteriori bastardi, che impongono sempre dall'alto candidati che devono obbedire a questo a quello e a quell’altro ancora. Evidentemente la lezione del penultimo non vi è bastata. E questo per cosa? Per il potere o per i cittadini?

Per il potere  e basta, strafregandosene altamente e  nuovamente dei cittadini, strafregandosene del motivo per cui deve essere accantonata quella forza politica, che oggi esprime una deriva dittatoriale conclamata e deve essere fermata e non  invece assecondata a compiere ulteriori sfracelli.

Invece no, prima arrivano le poltrone e poi tutto il resto? Anche qui  esiste il  compare del compariello,  che costituisce liste su liste, seguendo l’errore che impone l’avversario di ogni giorno, quando bastava invece, imporre  ad un miliardario immorale  di andarsi a godere la pensione e di levarsi dalle scatole e quel partito  dalla deriva totalitaria, oggi sarebbe completamente ridimensionato e non ci staremmo a giocare costituzione e nazione, alla faccia delle lobby finanziarie!

Non lo volete capire?    E allora andate pure a stendere, se perderete di nuovo, perchè avete consegnato nuovamente  la città agli stessi che se la sono bevuta.

Il movimento è  un'altra accozzaglia di inetti, che si scelgono in base alle traveggole di un comico e di un falso stratega, per  il quale i calibri piccoli, servono esclusivamente per stare meglio sugli attenti al non sgarro (obbligatorio), pena l’espulsione.

Ma da che pulpito vien la predica, in un sistema che ha insito all'interno la deriva totalitaria? A chi la volete insegnare la civiltà? Vergognatevi anche voi, incapaci lustra scarpe dei voleri di qualche inetto, che decide di farvi saltare come burattini.

Poi esiste una pletora di ulteriori indefinibili, che tentennano a non voler tagliare con la politicona nazionale e non si azzardano mai a dichiarare ai cittadini, con chi mai e poi mai si andrà a inciuciare dopo il ballottaggio. Le porte per il meschino calcolo,  si devono lasciare  tutte aperte, per alzare la posta al miglior offerente. Ma anche li, con il panariello dei  moderni calimeri del 22mo secolo  dell’incarichino, che significa potere e soldi, fregandosene altamente della reputazione di modernissimi portaborse a cui si chiede di sacrificare tutto 'a zero', anche se…… da altre parti, si scoprono il pelo dallo stomaco e professano il cambiamento, ma  ad aria però!.

E voi sareste la novità? Ma vergognatevi.

Poi esiste chi ha i soldi e sa che non può vincere e allora inizia il tiro alla giacca, con l’aiuto di uno scalcinato esercitino mal organizzato, che da tre anni non muove una maledetta paglia e poi si adagia al migliore dell’opposizione? Ma vergognatevi pure voi!

Ma cosa ci sta nel pentolone? E scoperchiamolo questo maledetto pentolone, senza pietà e cosa ci troviamo?

Ma poveri fessi di siore e siori  di cittadini, nel pentolone forse esisterà  un probabile pollastrone  fatto di 6 miliardi di euro a pioggia,  nel caso in cui Roma per qualche tocco divino, diventerà la sede dei giochi olimpici nel 2024!

Quello è il pollo ( per miracolo se ce lo prenderanno loro, non i cittadini ) quindi   non le buche o l’atac  o la metro o i poveracci a testa in giù nei secchioni della mondezza a cercare cibo, non le disabilità a cui si oppone la mancanza di soldi e quindi non verranno più e mai più aiutati a vivere i poveracci.  E’ al pollastrone ( se ci sarà )  che mirano e di tutto il resto, non interessa un fico secco ai vermaioli professionisti che arroganti come sono, non spenderanno nemmeno i soldi più, perchè un sindaco alla fine ci dovrà uscire......fra le scatole

……e di cosa altro scrivere o pensare, quando esistono le rivendite delle cannuccione formato catatere atte allo scopo?

Si, esattamente quelle, che servono  per pompare soldi, da chissà quale fondo messo a disposizione dalle stesse autorità, che sarebbero poi i titolati a mantenere ‘la cassa’ bella colma?

Ma come? A livello centrale,  esiste chi li metterebbe  nella pentolona i bei soldoni e poi…….. li farebbero  ciucciare all’avversario? Non sia mai un autogol come questo!!!!!

E in tutto questo chi  o cosa manca?

Ma la città e i cittadini naturalmente,  siore e siori, che saranno nuovamente bastonati per altri due o tre anni…..

Quindi non cambierà niente di un bel niente, anzi, se non stanno attenti a rubare male, il comune sarà commissariato al massimo dopo uno o due anni e ci sarà ancora la moria di pesci sacrificabili, ma i bastardi quelli veri non moriranno mai!

I cittadini di Roma non dovevamo affatto votare nuovamente, oggi ci doveva essere ancora il dottore, che hanno sacrificato per la mafia esistente, che non ha trovato interlocutori affidabili per eccesso di stupidità.

Ma ora state pur tranquilli,  si riaggiusteranno di nuovo……. E si insabbierà nel nulla il tutto, senza dare altre identità…

Forse qualche cittadino più intelligente  sentirà ma da lontano il sordo rumore del  maciullare dei soldi nelle fauci di squali, che si apprestano a partorire altri squali, molto più subdoli e infidi di quelli che ci sono.

La sconfitta dei cittadini è cocente e senza appello, perché diciamocela tutta, la colpa è soltanto la nostra e basta…..

Altro che questione di fortuna!
« Ultima modifica: Dom 10 Apr 2016 21:02:32* da Luigi Intorcia »


cari amici, questo è un forum di un movimento dei cittadini, se ti vuoi iscrivere, segui le istruzioni, se noi ci mettiamo la faccia, metticela anche te! Non potranno essere iscritti anonimi con login non riconoscibili associate a mail incerte.
segui a questo link

http://www.democraziainmovimento.org/forum/index.php?topic=1818.0


Luigi Intorcia