Autore Topic: COMUNICATO STAMPA  (Letto 901 volte)

Offline Luigi Intorcia

  • non rendere difficile il facile attraverso l'inutile
  • Amministratore
  • Membro Eroe
  • *****
  • Post: 3.072
  • fiero di DIM - Roma
      • Mostra profilo
COMUNICATO STAMPA
« il: Mar 18 Ott 2016 20:28:44* »
COMUNICATO STAMPA
Parte all’Aquila la CONFEDERAZIONE PER LA DIFESA E L'ATTUAZIONE DELLA COSTITUZIONE “SOVRANITÀ POPOLARE”

“Un soggetto strumentale di contrasto alle derive antidemocratiche sia della politica dei partiti di governo, che sul potere espresso dalle oligarchie finanziarie ordoliberiste che hanno imposto le condizioni di questa riforma costituzionale che, oltre alle modifiche di 47 articoli della Costituzione, apre alla modifica dell’art.138, posto a baluardo sull’equilibrio dell’intero impianto costituzionale”. Con queste parole Paolo Maddalena, Vice Presidente emerito della Corte Costituzionale, è intervenuto alla prima Assemblea nazionale della Confederazione per la difesa e l'attuazione della Costituzione “Sovranità Popolare”, che si è tenuta a L'Aquila, dove ha sede legale, la settimana scorsa.

“A noi, popolo sovrano, il compito di difendere la Costituzione e la Repubblica”, ha continuato il giudice Maddalena, tra i primi promotori della Confederazione di cittadini e organizzazioni civiche e politiche. Poi, ha tracciato un excursus storico sulle teorie e le pratiche dell’economia nel secolo scorso, da Keynes a Friedman e alla Scuola Austriaca, fino all’avvento della finanza speculativa e del predominio della moneta virtuale, che si collocano fuori dall’economia reale. “Un insieme di poteri spesso occulti ha portato il Paese nella difficile situazione in cui versa, con l'abuso di privatizzazioni per fare cassa sul debito insostenibile accumulato dai governi, che ha svenduto il patrimonio pubblico delle imprese dell’IRI e delle banche, fino alla Banca d’Italia. Il danno si è esteso alla svendita del patrimonio demaniale e privato dei beni comuni collettivi a trust stranieri che si sono letteralmente appropriando del patrimonio nazionale”.

Padre Quirino Salomone, dell'Ordine Francescano dei frati minori, nel suo intervento è tornato a porre l'accento su “l’inadeguatezza della politica di governo, centrale e locale”, che “non riesce più a sostenere il disagio e le deprivazioni, in una sorta di spirale amorale collettiva, sostenuta dalle oligarchie al potere sull’unico valore che oggi conta, il denaro e la massimizzazione del profitto, sospingendo nella povertà tanti esseri umani”. Padre Quirino Salomone ha parlato del carisma francescano e della
potenza della conoscenza nella fede, testimoniata nell'opera sociale e civile, protesa al bene comune, da Bonaventura di Bagnoregio a Giovanni da Capestrano, a Ruggero Bacone, a Bernardino da Siena, a Pietro da Morrone, “un eremita divenuto Papa, Celestino V, esempio di forza nell’umiltà, dispiegata attraverso la povertà e il perdono elargito sul ravvedimento”.

Padre Quirino Salomone è quindi tornato su una proposta di azione popolare “Bisognerebbe istituire una tribuna del popolo, dove i cittadini possano giudicare e condannare almeno al pubblico disprezzo coloro che sono indegni del ruolo e delle responsabilità che ricoprono e sottraggono alla comunità beni materiali e dello spirito, per cui la condanna consista nella restituzione del mal tolto”.

La Confederazione, alla quale aderiscono cittadini ed organizzazioni sul territorio nazionale, si organizzerà con una sede territoriale in ogni Comune, per operare in difesa e per la piena attuazione della Costituzione su due livelli: l'informazione e la formazione sul territorio, e la Consulta Permanente di sovranità popolare per il governo del territorio secondo il principio di sussidiarietà e solidarietà.

L'Assemblea ha eletto Presidente Giovanni Tomei, già ispiratore e fondatore del CNAC (Comitato Nazionale per l'Attuazione della Costituzione), e Paolo Maddalena e Padre Quirino Salomone hanno accettato, per acclamazione, di entrare a far parte, per primi, del Comitato Scientifico. Durante l’Assemblea tutti gli organi confederali sono stati costituiti consentendo così il pieno funzionamento della Confederazione.

Tra i primi interventi pubblici della Confederazione per la difesa e l'attuazione della Costituzione “Sovranità Popolare”, l'adesione alla mobilitazione nazionale per il NO al Referendum sulla riforma costituzionale e una campagna referendaria ispirata dal documento di Paolo Maddalena “Le Ragioni del NO”.

Roma, 17 ottobre 2016

Emanuela Bambara
Ufficio Comunicazione - Segreteria Generale
cspsovranitapopolare@gmail.com


cari amici, questo è un forum di un movimento dei cittadini, se ti vuoi iscrivere, segui le istruzioni, se noi ci mettiamo la faccia, metticela anche te! Non potranno essere iscritti anonimi con login non riconoscibili associate a mail incerte.
segui a questo link

http://www.democraziainmovimento.org/forum/index.php?topic=1818.0


Luigi Intorcia