Autore Topic: LA TRASMUTAZIONE TECNOCRATE SULLA VITA DEI CITTADINI  (Letto 761 volte)

Offline Luigi Intorcia

  • non rendere difficile il facile attraverso l'inutile
  • Amministratore
  • Membro Eroe
  • *****
  • Post: 3.072
  • fiero di DIM - Roma
      • Mostra profilo
LA TRASMUTAZIONE TECNOCRATE SULLA VITA DEI CITTADINI
« il: Lun 06 Feb 2017 15:23:59* »
E SE PRIMA DELL'ENTRATA DELL'EURO AVEVAMO DEI DIRITTI.? ..IN MENO DI 15 ANNI AZZERATI QUASI TUTTI QUELLI CHE AVEVAMO! ALTRO CHE CATTIVO AFFARE!!!!!

La riprova?
Ammettiamo che nel 2001 avessimo avuto le tutele con diritto acquisito a favore dei cittadini ad esempio welfare contro le indigenze, la domanda è: <chi ci avrebbe rinunciato, nel cambio euro lire?>

La risposta è NESSUNO!

Ma non è finita, oltre all'errore storico da parte di uno stato che prima di aderire ad una truffa colossale, che è l'euro,  non ha mai tutelato veramente  le indigenze,  in quanto ritenute  minoranze sparute di un popolo, ha iniziato a smantellare anche i diritti basilari che sono fra gli altri  la salute, l'ambiente, il risparmio e ancora prima il  diritto al lavoro.
Senza il lavoro da parte dei cittadini uno stato non è matematicamente sostenibile, senza la produzione, che sparendo, è stata  sostituita dalle imposte in misura crescente, domani mattina in caso di crisi  nemmeno una ambulanza potremmo più permetterci.

Allora smettiamola  con gli inganni della truffa finanziaria, secondo la quale lo stato non deve avere banche nazionali, non deve avere null'altro che serva e sia funzionale a dei soli numeri, con quel passaggio di soldi fatto con i titoli, che è di fatto una delle più grandi  truffe con la quale si uccidono cittadini, in un tritacarne e  in cui levando il diritto principale ad essere cittadino degno del diritto,  un essere vivente condannato dal sistema, si tramuta in  un inutile peso e deve essere eliminato.

Si, sono auto eliminati  in qualche migliaio dal 2011 ad oggi.....  e significa che l'efficienza devastante di un potere che nulla ha più a che fare con i diritti, una volta demoliti, se n'è appropriato nella convenienza affaristica  e selettiva fra quelli che davano utili smisurati, cessata utilità, che in un concetto di efficienza senza anima e cuore determina che  fra una scarpa vecchia e un cittadino non esiste più alcuna differenza.
Si butta la prima nel mondezzaio e se si può si elimina il diritto di vivere al secondo.

Il suicidio, ( eutanasia )  era una tecnica applicata in Germania dopo il 1936 e nella Unione Sovietica dopo il 1917 e dalla Cina dopo la rivoluzione un cliché esportato in altri stati  ed i messaggio era < ucciditi da solo,  prima che ti vengo ad ammazzare>.
Non è cambiato un piffero da qual tempo ad oggi, è soltanto diventata più sofisticata, la modalità di soppressione della speranza.

Ci chiediamo  soltanto quando arriverà quel momento della sveglia collettiva dal torpore......... della decimazione silenziosa.....


« Ultima modifica: Lun 06 Feb 2017 15:28:03* da Luigi Intorcia »


cari amici, questo è un forum di un movimento dei cittadini, se ti vuoi iscrivere, segui le istruzioni, se noi ci mettiamo la faccia, metticela anche te! Non potranno essere iscritti anonimi con login non riconoscibili associate a mail incerte.
segui a questo link

http://www.democraziainmovimento.org/forum/index.php?topic=1818.0


Luigi Intorcia