Legge elettorale ed elezioni anticipate: la lezione inglese

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pare proprio, dagli utimi sondaggi, che la vittoria dei Conservatori alle elezioni anticipate in Inghilterra possa sfumare, anzi questi potrebbero perdere numerosi seggi e la pur risicata maggioranza che avevano in precedenza.

Questo é il risultato di vari fattori, tra attacchi terroristici, piccoli scandali e una buona campagna elettorale dei Laburisti.

Questo dimostra tuttavia diverse cose:

  1. C’é una grande mobilitá nell’elettorato
  2. Le campagne elettorali contano
  3. Ci possono essere grandi cambiamenti nei sondaggi in poco tempo
  4. Il sistema politico é frammentato
  5. Una legge elettorale, anche largamente maggioritaria come quella inglese, non puó piú garantire, come in passato, maggioranze stabili

È un monito anche per chi, in Italia, sta lavorando alla legge elettorale e punta alle elezioni anticipate.

Tanto piú che potrebbe esserci una reazione ad una legge elettorale “ad excludendum” come quella attualmente in discussione in Parlamento, come fu per la legge truffa.

Attentato di Manchester: terrorismo, immigrazione e integrazione

Facebooktwittergoogle_plusmail

L’attentatore della strage al concerto di Ariana Grande a Manchester era, ancora una volta, un immigrato di seconda generazione. Non un profugo appena arrivato, magari mandato dall’ISIS proprio per compiere attentati, ma un cittadino Inglese figlio di genitori regolarmente immigrati.

C’é da chiedersi, dunque, cosa possa portare una persona che é stata accolta e inserita nella societá ad uccidersi portando con sé cosí tante persone. É, di fatto, un fallimento dell’integrazione e della societá in generale.

Il fatto si ricollega anche al fenomeno crescente dei suicidi tra i giovani, aggravato dal fatto che il fondamentamentalismo islamico “sfrutta” il disadattamento per dare motivazioni ulteriori per un atto che diventa ancora piú grave perché causa la morte di altre persone. La veritá é che questa societá non dá un futuro né un senso alla vita dei giovani, e questo crea terreno fertile per il fondamentalismo che invece fornisce almeno un senso al suicidio.

Occorre dunque una riflessione piú ampia, soluzioni piú complete ai problemi della societá. Non serve fermare i flussi migratori, ammesso sia possibile, perché gli immigrati sono giá qui. Occorre contrastare il fondamentalismo islamico smontando la sua propaganda di odio e non fomentando lo scontro di civiltá con altro odio.

Occorre una migliore sicurezza, visto che a quanto pare i controlli al concerto non erano sufficientemente approfonditi.  Occorrono migliori leggi di contrasto, perché spesso questi attentatori sono giá conosciuti ma non si riescono a fermare fino, al massimo, a poco prima che compiano i loro attentati.

Bisogna peró stare attenti, affinché questi attentati non vengano sfruttati per limitare le libertá dei cittadini. Sarebbe una vittoria per i terroristi e per i loro mandanti.

 

Referendum Svizzero sull’Energia: la democrazia (diretta) che funziona

Facebooktwittergoogle_plusmail

Gli Svizzeri hanno deciso ieri di approvare la “Strategia energetica 2050“. Questo comporta una graduale uscita dal nucleare, la promozione delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica.
In Italia é invece ancora in corso il dibattito sulla Strategia Energetica Nazionale e non si sa come andrá a finire, né se i prossimi governi rivedranno quanto eventualmente deciso.
Questo é emblematico di come la Democrazia Diretta possa portare a decisioni definitive e condivise in minor tempo e con un miglior risultato.

É inoltre emblematico che lo scorso Novembre un piano piú ambizioso di uscita dal nucleare era stato invece bocciato, anche perché non sufficientemente dettagliato e troppo ambizioso nelle tempistiche. Si vede quindi un’applicazione della Democrazia Diretta non semplicistica, con un sí e un no definitivi e “tombali”, ma con la possibilitá di aggiustamenti successivi delle proposte

Altro fattore interessante é che il Referendum é passato nonostante comporti un aumento del costo per kWh, elemento che mostra che la Democrazia Diretta, se un piano é ben spiegato, puó portare ad approvare soluzioni a prima vista impopolari.

Democrazia in Movimento auspica che si affermi, anche in Italia, una Democrazia Diretta sul modello Svizzero che, come si vede in questo caso, puó portare a soluzioni di larga portata, condivise e lungimiranti.

 

Magia: il reddito di cittadinanza crea lavoro? Quale e come?

Facebooktwittergoogle_plusmail

La novitá degli ultimi post del M5S (http://www.beppegrillo.it/2017/05/il_reddito_di_cittadinanza_per_rilanciare_il_lavoro.html http://www.ilblogdellestelle.it/il_reddito_di_cittadinanza_per_creare_lavoro.html)
é che il reddito di cittadinanza crea lavoro. Non si spiega bene peró come.

È una vera e propria manovra economica che serve a rilanciare il lavoro, (Alessandro di Battista)

I beneficiari del reddito, infatti, dovranno formarsi, riqualificarsi e accettare una delle tre proposte di lavoro che saranno offerte. Per poter garantire un lavoro ai cittadini bisognerà però rendere più efficienti i Centri per l’impiego. (Roberta Lombardi)

Si parla di rendere efficienti i Centri per l’impiego e della riqualificazione e formazione dei disoccupati.

La realtá é che il lavoro si potrebbe sí creare, ma grazie a un’aumento della domanda. Non si capisce perché quelli del M5S non spieghino questo aspetto, forse lo ritengono troppo difficile per i loro elettori? O forse perché questo metterebbe in crisi il modello basato sull’offerta dei neoliberisti, di cui loro di fatto fanno parte?

Il rischio vero, peró, é che le famigerate tre offerte tra cui il disoccupato si troverebbe a scegliere siano inadeguate alle sue competenze, magari composte dai minijob che potrebbero sostituire i voucher.

Una vera fregatura, e d’altra parte quella del reddito di cittadinanza o simili é una proposta fatta propria dai neoliberisti, per allentare un po’ la tensione sociale che hanno creato con la loro ingordigia. Eppure il m5s si continua a concentrare su questo, che é solo un palliativo e non la soluzione ai problemi dei disoccupati.

 

 

Legge elettorale: a che gioco gioca il PD?

Facebooktwittergoogle_plusmail

Leggiamo con rammarico le notizie di fallimento della proposta piú condivisa di una nuova legge elettorale presentata in commissione alla camera: http://www.andreamazziotti.eu/legge-elettorale-perche-e-come-e-saltato-l-italicum-bis-chi-ha-fatto-fallire-questo-tentativo-condiviso-se-ne-assume-la-responsabilita/

Il fallimento é da attribuirsi in maniera quasi totale al PD, che vuole spingere la sua nuova, ennesima, proposta del modello Tedesco.
É un modello che pare fatto apposta per “uccidere” i piccoli partiti, e proprio per questo crediamo sia difficile la sua approvazione, visto le risicate maggioranze del Senato e il fatto che i piccoli partiti, come quello di Alfano, attualmente garantiscono la maggioranza al governo.
Notiamo che il PD ha volutamente affossato una proposta che aveva giá un’ampia condivisione, quella del “Legalicum” o Italicum esteso al Senato.

Democrazia in Movimento auspica che finiscano al piú presto i giochetti di parte e si giunga finalmente a una proposta il piú possibile condivisa, in modo tale che sia approvata con ampia maggioranza. Auspichiamo inoltre che si abbandonino i tentativi di affossare i piccoli partiti e di limitare la possibilitá, per gli elettori, di eleggere direttamente i loro rappresentanti (come con gli attuali capilista bloccati) e si favorisca la rappresentanza rispetto a una presunta governabilitá, che si puó garantire solo a discapito della rappresentativitá stessa, che é la cosa piú importante soprattutto in questi tempi di opinioni diverse e contrastanti. Riteniamo che una vera rappresentativitá del Parlamento potrebbe meglio rispecchiare i contrasti in essere nella societá, che la Politica dovrá poi farsi carico di portare a sintesi coi giusti compromessi per legiferare e governare.

 

ABBIAMO ARATO

Facebooktwittergoogle_plusmail

Avevo iniziato il mio mandato da presidente DiM con l’annuncio di una nuova primavera.
Volevo seminare in DiM le mie idee e speravo di vederle germogliare.
Purtroppo questo non é successo come avrei voluto.
Probabilmente il campo non era ancora pronto, forse perché troppo concimato in precedenza.
Credo peró di aver preparato il campo per una nuova semina, portando nuova terra con l’ingresso in Sovranitá Popolare.
Spero che ora il campo sia finalmente pronto ad essere seminato e a dare buoni frutti.
Ringrazio per la riconferma a Presidente. Lavoreró un altro anno per far crescere Democrazia in Movimento.

Il modello Francese

Facebooktwittergoogle_plusmail

Si fa un gran parlare, oggi, dei risultati del primo turno delle Presidenziali in Francia.

E a ragione, visto l’importanza di queste elezioni e il potere che avrá chi sará eletto al ballottaggio.

Pochi peró fanno notare che, comunque vada, chi verrá eletto non avrá ottenuto al primo turno il sostegno di nemmeno un quarto dei votanti.

E chi é stato eliminato al primo turno lo é stato per pochi voti, nemmeno il 2%.

È un sistema ben peculiare, pur corretto dal fatto che le elezioni parlamentari si svolgeranno in seguito e con una formula diversa e piú rappresentativa.

É un sistema che spinge al leaderismo e a una scarsa rappresentativitá del Presidente scelto, in cambio di una supposta governabilitá che, visti i dovuti pesi e contrappesi del Parlamento, é soltanto supposta.

Democrazia in Movimento auspica che si abbandonino i modelli maggioritari e i capilista bloccati a favore di una legge proporzionale che dia veramente voce ai cittadini e che porti a superare il leaderismo imperante.

Il libero gioco del mercato viola i principi fondanti della nostra Costituzione

Facebooktwittergoogle_plusmail

Il TUEF (Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea) agli artt. 107 e 108 dichiara la incompatibilità con il mercato interno del cosiddetto “aiuto di Stato“, ossia “qualsiasi trasferimento di risorse pubbliche a favore di alcune imprese o produzioni che, attribuendo un vantaggio economico selettivo, falsa o minaccia di falsare la concorrenza“.

La regola fondamentale è che agli Stati è precluso l’aiuto di Stato tranne che per eccezionali ipotesi, quelle specificate dall’art. 107 TUEF.

Tralasciando ogni questione tecnica, il punto essenziale da evidenziare è che lo Stato può intervenire solo a determinate condizioni e avendo quale limite quello di “non falsare o minacciare di falsare la concorrenza“.

Quanto questo possa ritenersi compatibile con i principi presenti nel titolo III della Costituzione italiana (artt. 35 – 47) è tutto da verificare.

In sostanza, il TUEF risponde ad uno dei canoni propri della dottrina economica dell’ordoliberismo, ossia il laissez-faire, il “lasciare fare”, il non interventismo dello Stato nel libero gioco concorrenziale del mercato.

Al contrario, la nostra Costituzione è di tipo interventista, ossia assegno allo Stato una serie di compiti positivi in quanto finalizzati a “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese“.

Ai fini della rimozione degli ostacoli, la Repubblica:

  • tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni;
  • cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori;
  • riconosce il diritto del lavoratore ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla sua famiglia un’esistenza libera e dignitosa;
  • assicura alle lavoratrici donne gli stessi diritti riconosciuti al lavoratore;
  • assicura mezzi adeguati in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaria, disoccupazione involontaria;
  • interviene sulla proprietà privata per evitare che si svolga in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana;
  • assicura la funzione sociale della proprietà e la rende accessibile a tutti;
  •  riserva allo Stato o espropria determinate imprese che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano preminente interesse generale;
  • impone vincoli alla proprietà terriera privata;
  • riconosce la funzione sociale della cooperazione;
  • tutela il risparmio in tutte le sue forme e favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione.

Privatizzazioni selvagge e divieti di intervento diretto dello Stato nell’economia sono in palese contrasto con i principi fondanti la nostra Repubblica, nella misura in cui non consentono di intervenire al fine della rimozione degli ostacoli che impediscono la realizzazione della eguaglianza sostanziale tra tutti i cittadini.

Di questo dobbiamo discutere, su questo è doveroso prendere posizione.

E almeno fino a quando la nostra Costituzione è quella nel testo voluto dalle Madri e dai Padri Costituenti, sono i trattati che devono essere letti ed applicati in funzione di quanto è previsto nella nostra Carta fondamentale e non viceversa.

E chi opera per invertire questo rapporto, chi agisce per le cessioni di sovranità a favore di un ordinamento europeo creato in aperta violazione dei nostri principi fondamentali calpesta il dovere sancito all’art. 54 Cost.: “Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi“.

Alessandro Crociata

Democrazia in Movimento

https://www.facebook.com/democraziainmovimento.org/?fref=ts

 

Tornare alle origini della costruzione europea?

Facebooktwittergoogle_plusmail
I capi di Stato e di Governo riuniti ieri a Roma per l’anniversario del Trattato di Roma, sottoscritto il 25 marzo 1957, hanno detto a chiare lettere che bisogna riprendere i valori fondanti dei padri costituenti europei, quelli appunto del Trattato di Roma.
Ma di quali valori parlano?
In tema di valori, se leggiamo la Costituzione della Repubblica Italiana, immediatamente percepiamo che sono quelli fondati sulla lotta partigiana. Approfondendo gli interventi dei Costituenti tutto questo è ben presente. Basti leggere i resoconti della prima sottocommissione su quello che sarebbe divenuto l’art. 13 Cost. per rendersene conto.
Nella discussione sulla libertà personale erano evidenti i segni della sofferenza degli abusi dello stato poliziesco fascista e si voleva evitare per il futuro quegli orrori fatti di torture e cancellazione della dignità umana.
Sempre in tema di valori costituzionali, questi li troviamo ben delineati nella prima parte: lavoro, eguaglianza, solidarietà, salute, istruzione.
Quali sono, invece, i valori espressi nel primo atto istitutivo della Comunità Economia Europea, quella che alcuni, blindati da uno stato di polizia indegno della democrazia del nostro Paese, hanno celebrato ieri 25 marzo 2017?
Meglio: vi sono valori espressi nel Trattato di Roma. Mi pare di no.
Il Trattato firmato a Roma il 25 marzo 1957 è niente altro che uno squallido trattato commerciale, finalizzato a eliminare dazi e creare un mercato di libero scambio delle merci e dei capitali. Dove la libera circolazione delle persone è un mero accessorio, nemmeno tanto rilevante.
ARTICOLO 2. “La Comunità ha il compito di promuovere, mediante l’instaurazione di un mercato comune e il graduale ravvicinamento delle politiche economiche degli Stati membri, uno sviluppo armonioso delle attività economiche nell’insieme della Comunità, un’espansione continua ed equilibrata, una stabilità accresciuta, un miglioramento sempre più rapido del tenore di vita e più strette relazioni fra gli Stati che ad essa partecipano“.
ARTICOLO 3. “Ai fini enunciati all’articolo precedente, l’azione della Comunità importa, alle condizioni e secondo il ritmo previsto dal presente Trattato: a) l’abolizione fra gli Stati membri dei dazi doganali e delle restrizioni quantitative all’entrata e all’uscita delle merci, come pure di tutte le altre misure di effetto equivalente, b) l’istituzione di una tariffa doganale comune e di una politica commerciale comune nei confronti degli Stati terzi, c) l’eliminazione fra gli Stati membri degli ostacoli alla libera circolazione delle persone, dei servizi e dei capitali, d) l’instaurazione di una politica comune nel settore dell’agricoltura, e) l’instaurazione di una politica comune nel settore dei trasporti, g) la creazione di un regime inteso a garantire che la concorrenza non sia falsata nel mercato comune, h) l’applicazione di procedure che permettano di coordinare le politiche economiche degli Stati membri e di ovviare agli squilibri nelle loro bilance dei pagamenti, i) il ravvicinamento delle legislazioni nazionali nella misura necessaria al funzionamento del mercato comune, j ) la creazione di un Fondo sociale europeo, allo scopo di migliorare le possibilità di occupazione dei lavoratori e di contribuire al miglioramento del loro tenore di vita, m) l’istituzione di una Banca europea per gli investimenti, destinata a facilitare l’espansione economica della Comunità mediante la creazione di nuove risorse, k) l’associazione dei paesi e territori d’oltremare, intesa ad incrementare gli scambi e proseguire in comune nello sforzo di sviluppo economico e sociale“.
La parte seconda del Trattato di Roma dedicata ai “Fondamenti della Comunità” si apre con il titolo primo intitolato “Libera circolazione delle merci“.
ARTICOLO 9. “La Comunità è fondata sopra una unione doganale che si estende al complesso degli scambi di merci e importa il divieto, fra gli Stati membri, dei dazi doganali all’importazione e all’esportazione e di qualsiasi tassa di effetto equivalente, come pure l’adozione di una tariffa doganale comune nei loro rapporti con i paesi terzi”.
“Sogno dei fondatori dell’Europa. Ritorno alle idealità di quegli anni. Bisogna proseguire il cammino tracciato dal Trattato di Roma”.
Tutte belle frasi, ad effetto, tranne poi scontrarsi con la realtà dell’essere quelle idealità così alte e nobili niente altro che un accordo commerciale, seppure sottoscritto con tanto impegno dalle più alte cariche degli Stati.
Su queste fondamenta non poteva che costruirsi quel pessimo edificio che è l’Unione Europea, dove sempre meno persone vogliono abitare, se non quelle che ci traggono l’enorme vantaggio di poter decidere per tutti.
No grazie.
Ci teniamo stretta la Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza.
Per coloro che volessero approfondire i “valori” (?) del Trattato di Roma: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:11957E/TXT&from=IT
Alessandro Crociata
Democrazia in Movimento
https://www.facebook.com/democraziainmovimento.org/?fref=ts

L’Euro: una semplice moneta? L’illusione degli illusi.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Il dibattito sull’Euro è spesso caratterizzato da prese di posizioni aprioristiche, basate più sul sentimento personale di fiducia / sfiducia sulla moneta che non su reali elementi di giudizio.

Sia i fautori dell’Euro che i cosiddetti Euroscettici fanno perdere di vista quello che è il vero aspetto che dovrebbe essere oggetto del dibattito, al fine di assumere una posizione meditata e seria: vi sono e, in ipotesi, quali sono i fondamenti ideologici della moneta unica?

Per rispondere al quesito credo che sia necessario far riferimento alle fonti ufficiali, dalle quali possiamo trarre elementi per rispondere sulla base di elementi seri e verificabili.

Dal sito della BCE ricaviamo un intervento ufficiale di Mario Draghi, il quale così afferma:

Goodfriend sostiene che tutte e tre le categorie hanno implicazioni fiscali. E si afferma che la politica di credito e gli interessi in materia di politica di riserva comportano l’uso di fondi pubblici in un modo che può implicare un ruolo allocativo – e che possono quindi offuscare i rispettivi ruoli delle autorità monetarie e fiscali.
In questo contesto, vale la pena ricordare che la costituzione monetaria della BCE è saldamente fondata sui principi di ‘ordoliberalismo’, in particolare due dei suoi principi fondamentali:
– In primo luogo, una netta separazione dei poteri e degli obiettivi tra le autorità;
– E in secondo luogo, l’adesione ai principi di un’economia di mercato aperta e in libera concorrenza, favorendo un’efficace allocazione delle risorse“.

Dunque al quesito possiamo rispondere: 1) si, vi è un fondamento ideologico che sorregge la moneta; 2) questo fondamento ideologico è l’ordoliberismo.

Ora, ad alcuni può anche andare bene che “la costituzione monetaria della BCE” si fondi sull’ordoliberismo, però almeno la si smetta di “illudere gli illusi”, ossia coloro che ancora ingenuamente credono che la moneta sia solo una moneta, ossia di uno strumento che offre semplicemente il vantaggio di poterla usare in più Paesi senza bisogno di ricorrere al cambio per le proprie vacanze o di agevolare gli scambi.

Il 4 dicembre abbiamo votato contro la riforma costituzionale che pretendeva di imporre i principi della “governance economica europea”, ossia quelli dell’ordoliberismo. Non possiamo accettare che questi stessi principi cacciati dalla porta rientrino dalla finestra, peraltro a nostra insaputa, e “illudendo gli illusi”.

Mettere in discussione la funzione di una moneta che si fonda sull’ordoliberismo (scuola di Friburgo) è un dovere per chi crede nei valori, nei principi, della Costituzione nata dalla Resistenza, la quale si fonda sui principi del keynesismo. E noi di Democrazia in Movimento manteniamo il nostro impegno a difesa e per l’attuazione della Costituzione Repubblicana Antifascista.

(Il testo in inglese dell’intervento di Mario Draghi lo trovate qui: http://www.ecb.europa.eu/press/key/date/2013/html/sp130618.en.html)

 

Alessandro Crociata

Democrazia in Movimento

https://www.facebook.com/democraziainmovimento.org/?fref=ts