Archivi tag: Europa

I numeri impietosi e la propaganda per allocchi.

Facebooktwittermail

La gran cassa della propaganda esalta lo straordinario risultato del PIL 2016 dell’Italia, un fantastico 0,9%: meglio delle attese.

Accidenti direte voi, allora Renzi (e il suo clone low cost Gentiloni) ha fatto bene il suo lavoro, addirittura porta a casa risultati migliori delle aspettative.

Questi esaltatori dei risultati “di casa nostra” sono certamente gli stessi che guardano all’Europa come punto di riferimento fondamentale per le riforme, necessarie di certo per ottenere questi “mirabolanti risultati”, tranne quando si tratta di fare le comparazioni, se queste non convengono.

Allora questo sforzo lo facciamo noi e diamo i numeri (nel senso che diamo il PIL degli altri Paesi della UE).

Romania 4,4%

Irlanda 3,4%

Polonia 3,2%

Croazia 3,1%

Slovenia 3%

Repubblica Slovacca 2,9

Lituania 2,8%

Grecia 2,7%

Repubblica Ceca 2,6%

Svezia 2,4%

Spagna 2,3%

Lettonia 2,2%

Estonia 2,2%

Olanda 2%

Portogallo 1,6%

Germania 1,6%

Austria 1,6%

Daninmarca 1,5%

Gran Bretagna 1,5%

Belgio 1,4%

Francia 1,4%

Finlandia 1,2%

Italia 0,9%

Se avete avuto la pazienza di arrivare fin qui siete stati premiati e avete potuto godere del meraviglioso risultato dell’Italia renziana, ultima per crescita ma prima assoluta per propaganda e allocchi che ci cascano.

Direte voi, ma con tessuto produttivo distrutto, con salari da fame e precarizzazione come diavolo si fa a crescere?

Infatti non si cresce, si va solo a traino: gli altri crescono e noi prendiamo le briciole.

Alessandro Crociata

www.democraziainmovimento.org

NO MES

Facebooktwittermail


 

Ieri sera abbiamo organizzato un seminario sul MES (Meccanismo Europeo di Stabilità).
Uno strumento creato per azzerare la Sovranità Popolare degli Stati che hanno sottoscritto il Trattato.
L’Italia contribuisce al MES con 125 miliardi di euro.
La Camera dei Deputati ha approvato la legge di ratifica del trattato (L. 23/07/2012 n. 116) in appena due giorni, con una maggioranza schiacciante (325 favorevolI su 414 votanti). Questo con il voto bipartisan del Partito Democratico del Popolo della Libertà.
E’ chiaro che la decisione di approvare il MES è stata assunta altrove e i Deputati si sono limitati a schiacciare un pulsante per eseguire l’ordine impartito.
L’Italia si è impegnata a dare 125 miliardi di euro per uno strumento finanziario i cui vertici godono della assoluta immunità e sono sottratti a qualsivoglia controllo giurisdizionale.
Questo ci fa dire che non servono parlamentari low cost, servono donne e uomini competenti e con la schiena dritta, che non ubbidiscono agli ordini delle segreterie che a loro volta eseguono gli ordini dei grandi gruppi finanziari.
Servono donne e uomini che vogliono attuare la Costituzione e che abbiano il coraggio di dire NO a questi strumenti finanziari di controllo delle popolazioni e contro le popolazioni.
Noi ci siamo, noi abbiamo la schiena dritta.
Facciamo appello a tutte le donne e gli uomini con la schiena dritta a lavorare insieme a noi per fermare questo scempio delle nostre democrazie, fonte primaria delle gravissime diseguaglianze e della crescente povertà che sta colpendo strati sempre più ampi di cittadine e cittadini.

Democrazia in Movimento
www.democraziainmovimento.org